0

Il gup di Roma ha rinviato a giudizio il broker Gianluigi Torzi, per le accuse di autoriciclaggio ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Torzi è coinvolto anche nell’indagine della magistratura vaticana relativa alla compravendita di un palazzo a Londra.

Per i pm di piazzale Clodio una parte del denaro, circa 15 milioni di euro, che le autorità d’oltretevere contestano come illecito profitto nell’operazione immobiliare di Sloane Avenue, sarebbe stato impiegato dall’imprenditore per l’acquisto di azioni per un importo di oltre 4,5 milioni di euro. Il gip ha fissato il processo per Torzi e altri quattro indagati al giugno del 2024.

ANSA

 


La manovra cambia ancora, alta tensione alla Camera

Previous article

Helbiz e Cotral insieme per agevolare i collegamenti tra Roma e il Lazio

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Cronaca